Notizie

Peter Knego

Pubblicato il

Dalle spiagge di Alang alle showroom americane: l’ultimo viaggio dei lussuosi transatlantici italiani.

7 Maggio 2016 – ore 17:00 Magazzino 26

Sinopsi: in anni recenti sono state demolite le ultime grandi navi di linea italiane ancora esistenti: la Victoria del Lloyd Triestino (la cui plancia possiamo ammirare presso la mostra alla Centrale Idrodinamica del porto vecchio di Trieste); l’Augustus, il grande transatlantico che Alcide De Gasperi volle far costruire a Trieste nel 1950 per sottolineare l’appartenenza della città all’Italia; l’Ausonia, la bellissima unità realizzata a metà anni Cinquanta a Monfalcone per la società Adriatica di Venezia; l’Eugenio C., la stupenda ammiraglia dei Costa che rese celebre la compagnia genovese in tutto il mondo (e della quale ricorre quest’anno il cinquantesimo anniversario del viaggio inaugurale); l’Oceanic (Monfalcone, 1965) e l’Italia (Muggia, 1967), due stupende creature protagoniste della moderna rivoluzione crocieristica.
Peter Knego le ha seguite nel loro ultimo viaggio fino ad Alang, la nota spiaggia indiana dove queste belle navi, testimonianza del genio italiano, sono andate a morire: con l’alta marea e la sirena che suonava per un’ultima volta sono state lanciate a tutta forza sull’arenile, prima che una miriade umana, come formiche, non le svuotassero prima di farne a pezzi la carcassa. Peter Knego ci racconterà e mostrerà con immagini e filmati straordinari come ha salvato tutto il salvabile: suppellettili, arredi, opere d’arte, attrezzature… con grande inventiva ha riempito dozzine di container per portare ciò che rimaneva di bello e prezioso delle nostre navi negli Stati Uniti e dargli una nuova vita.

Biografia: Peter Knego, nativo di Los Angeles, si interessa per la prima volta alla storia della navigazione di linea nel 1973, quando gli viene affidata una ricerca sul Lusitania per un saggio di storia. Da quel momento in poi, avrebbe iniziato a fotografare ogni nave passeggeri, vecchio transatlantico o moderna nave da crociera, che incrociasse il suo obiettivo.
Dal 1980 inizia a fare crociere o a visitare ogni nave storica ancora esistente, documentandone la storia e iniziando a pubblicare saggi e articoli sull’argomento. Destino comune di molte di queste gloriose navi negli anni recenti è stato quello di venire spiaggiate in India, ad Alang, per essere smantellate. Knego sviluppa un particolare fascino per le navi italiane e fa visita regolarmente al cantiere di demolizione per documentare le varie fasi del colossale smembramento di quella che è stata un tempo una regina dei mari. Augustus, Ausonia, Victoria, Eugenio C., Italia…
Sono solo alcune delle unità dalle quali Knego ha anche recuperato gli arredi dei celebri designer e le creazioni dei grandi nomi dell’arte contemporanea nazionale. Da queste sue avventure in India sono nati anche due straordinari documentari: On the road to Alang e The Sands of Alang e il sito web www.midshipcentury.com In qualità di giornalista marittimo Knego trascorre molto tempo anche a bordo delle moderne navi da crociera, tenendo conferenze per i passeggeri o scrivendo articoli per prestigiosi periodici, tra i quali “USA Today”, “Travel Weekly”, “Ocean and Cruise News”, “Porthole” e “Ships Monthly”.
La sua casa a Los Angeles è allestita quasi esclusivamente con arredi e opere d’arte provenienti da vecchi e gloriosi transatlantici e costituisce un’attrattiva per molti curiosi e appassionati di storia navale.